Insurtech, rivoluzione necessaria: l’Italia spinge sul ritardo in Europa

  • Home
  • STAMPA
  • Insurtech, rivoluzione necessaria: l’Italia spinge sul ritardo in Europa

Area Brokers Industria è uscita Lunedì 3 Ottobre 2022 sul settimanale di LaRepubblica, Affari&Finanza. L’articolo comprende un approfondimento sulla nostra Società e un’intervista al nostro CEO, Lorenzo Riccardi.

L’articolo di scenario indaga il mondo dell’Insurtech ed analizza la situazione in Italia. Secondo il giornalista Luigi dell’Olio, essendo che i clienti sono sempre più spesso online, il mercato assicurativo deve aggiornarsi, rivoluzionarsi e sviluppare un approccio tecnologico. In Italia, durante i primi sei mesi del 2022, l’Insurtech ha continuato a crescere raggiungendo quota 200 milioni di investimenti.

L’Italian Insurtech Association e l’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico di Milano, hanno elaborato l’Insurtech Investment Index, un report da cui emerge che, in Italia, dal 2020 ad oggi, il mercato dell’Insurtech ha attratto in totale 510 milioni di investimenti. Un numero basso rispetto a paesi come Gran Bretagna, Francia e Germania. Per colmare il gap, l’associazione di settore si aspetta investimenti per mezzo miliardo nell’intero 2022, per poi raddoppiare a 1 miliardo nel 2023. Il traguardo è raggiungibile solo digitalizzando il comparto.

Riguardo il tema della digitalizzazione del mondo assicurativo, Lorenzo Riccardi, CEO di Area Brokers Industria, dichiara:

“Dal mercato arrivano segnali precisi di cambiamento, ma oggi nessuno può sapere con certezza quale sarà l’approdo finale. Per questo è importante saper cavalcare l’evoluzione della domanda senza preclusioni sugli sviluppi futuri. La domanda di coperture assicurative è in rapida evoluzione, soprattutto nel segmento retail, dove i consumatori cercano soluzioni rapide, intuitive e, possibilmente, senza muoversi da casa”.

Area Brokers Industria investe, ogni anno, più del 10% dei ricavi in tecnologia ed ha sviluppato il software Athena, che, sfruttando l’intelligenza artificiale, è grado di analizzare e comparare i migliori prodotti assicurativi presenti sul mercato. La sua configurazione open architecture consente di aggiungere, aggiornare, scambiare componenti e dati per garantire sempre una soluzione sostenibile e tecnologicamente avanzata. Grazie al machine learning, Athena riesce costantemente ed automaticamente ad aggiornarsi e migliorarsi, utilizzando al meglio i canali distributivi di nuova generazione ed ottimizzando i processi di vendita.

“La tecnologia è diventata il cuore del business assicurativo”.

Conclude così l’intervista, Riccardi.

03.10 - focus A&F - immagine

    Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy. Leggi tutto