Globale Abitazione

La polizza Globale Abitazione offre una protezione completa alla tua Casa ed alla tua Famiglia. Prevede un insieme di garanzie che consentono di proteggere i locali ed il contenuto dell’abitazione da una serie di eventi dannosi come l’incendio, lo spargimento d’acqua ed il furto. È inoltre possibile aggiungere la garanzia di Responsabilità Civile, per tutelare l’assicurato dagli eventuali danni a terzi, derivanti dalla conduzione della abitazione oppure causati dall’assicurato stesso e/o dai suoi famigliari conviventi nell’ambito della vita privata.

ABITAZIONE

Quando assicurare una casa?

Assicurare un’abitazione diventa quasi necessario se:

    • è di proprietà
    • oltre ad essere di proprietà, la si occupa direttamente
    • ci sono animali domestici in casa
    • ci sono bambini piccoli in casa
    • ci si trova a un piano alto con terrazzo o balconi da cui possono cadere oggetti che potrebbero danneggiare cose o persone al di sotto
    • si posseggono beni di valore in casa
    • si posseggono dispositivi elettronici che oltre a poter essere oggetto di furto, potrebbero subire danni derivanti da guasti elettrici

Se abito in una casa in affitto, quali sono i rischi che corro?

C’è una tendenza generalizzata, da parte di coloro che sono in affitto, a considerarsi in una sorta di immunità ma ciò non corrisponde assolutamente al vero. Infatti l’inquilino a termini di c.c. è tenuto a rispondere dei danni causati all’immobile ed a lui riconducibili, pertanto è esposto in modo ben più grave del proprietario che diversamente, potrebbe anche rinunciare al ripristino dell’abitazione a seguito di un sinistro.
In particolare nel caso di incendio, anche di piccole proporzioni, in
quanto il solo intervento dei Vigili del Fuoco, spesso crea un danno elevato al fine di evitare l’estendersi del fuoco. C’è poi il rischio di incendio e furto dei propri arredi ed effetti personali nonché la responsabilità della conduzione dell’abitazione per danni a terzi, siano essi altri condomini che passanti. Va precisato, infine, che tutte le coperture previste dalla polizza condominiale sono esclusivamente a favore dei proprietari e non degli inquilini.

Se abito in una casa di proprietà, quali sono i rischi che corro?

Normalmente il condomino può contare sulla polizza condominiale che lo tutela dai danni che può subire il proprio appartamento e la responsabilità civile della proprietà, ma non quella della conduzione, tipica della RC capofamiglia. Rimangono scoperti, inoltre, i rischi legati all’arredamento e agli effetti personali, sia per l’incendio che per il furto, che vanno assicurati individualmente.

Cosa deve comprendere una polizza per la casa?

È bene verificare, prima della sottoscrizione di una polizza assicurativa per la casa, che quest’ultima possegga le garanzie relative alle seguenti situazioni:

    • incendio dei locali e del loro contenuto
    • rimborso spese per spargimenti d’acqua e per la ricerca e la riparazione dei guasti conseguenti
    • rimborso spese per danni causati dal fenomeno elettrico, quando cioè guasti o sbalzi di tensione danneggiano dispositivi elettronici, come il computer o la tv
    • rimborso spese per gli atti vandalici, nonché per i danni causati a pareti, porte, finestre, inferriate e infissi che possono essere causati da ladri
    • rimborso per la rottura di cristalli, vetri e altri materiali trasparenti (come il pvc)
    • rimborso per i danni derivati dalla presenza di animali domestici, nel caso se ne posseggano
    • rimborso spese per i danni derivati da eventi atmosferici, quali: grandine, trombe d’aria, acqua piovana che passa attraverso le brecce provocate dall’evento atmosferico, fulmine e danni elettrici conseguenti, danni provocati dal sovraccarico da neve; non è prevista assicurazione per i danni provocati da alluvione, allagamento e inondazione
    • rimborso per i danni che la propria abitazione può causare a terzi (allagamenti, infiltrazioni, oggetti che cadono dall’alto di terrazzi e balconi o finestre)
    • responsabilità civile del nucleo familiare, che copre tutti i danni che gli abitanti della casa possono causare a terzi all’interno o all’esterno dell’abitazione
    • rimborso relativo al furto di oggetti di un certo valore all’interno dell’abitazione, arredi e apparecchi elettronici
    • la presenza nel contratto di un servizio di assistenza 24 ore su 24 per informazioni, reperimento e invio di tecnici

 

Quali elementi fanno scontare la polizza sulla casa?

In genere quando la casa è provvista di sistemi di sicurezza, la polizza viene scontata.
Maggiore è la tecnologia e l’efficacia del sistema di sicurezza e maggiore è lo sconto.
Quando si tratta di sistemi di sicurezza passivi, cioè di porte e finestre blindate, presenza di inferriate, vetrate blindate, etc, gli sconti sono minimi. Quando si tratta di sistemi di antifurto più avanzati, detti attivi, che segnalano cioè la presenza di estranei nell’appartamento, come sirene, lampeggiatori, telecamere, sensori perimetrali o ancor di più il telecollegamento con le forze dell’ordine, gli sconti sono in genere più elevati.

L’assicurazione in caso di furto

Innanzitutto è bene tener presente che la polizza assicurativa per la casa è strettamente legata alle caratteristiche dell’abitazione: se subiamo un furto di oggetti all’interno della casa, senza che i mezzi di chiusura (porte e finestre) subiscano scasso (quindi da persone che potremmo aver noi stessi introdotto in casa), l’assicurazione non è tenuta a risarcire il danno. In secondo luogo, subito dopo aver stipulato una polizza assicurativa per la casa, occorre:

    • fare una stima il più precisa possibile del valore totale dei beni posseduti all’interno della casa (tra mobili, oggetti di valore e apparecchi elettronici)
    • comunicare il cambiamento di valore in caso di acquisti di un certo tipo successivi alla stipula della polizza, per modificare anche il massimale dell’indennizzo in caso di furto
    • tenere traccia, con documenti e scontrini e magari anche con fotografie, del valore dei beni che si posseggono e che si sono conteggiati per stipulare la polizza
    • se alcuni beni di valore che si intende comprendere nella polizza sono dei regali, è bene fornirsi della dichiarazione del rivenditore, in merito al valore economico degli stessi
    • in caso di furto, la prima cosa da fare è la denuncia alle forze dell’ordine, dove oltre all’elenco degli oggetti rubati, bisogna fornire una stima del loro valore: in questo caso se si dichiara il falso, si è perseguibili dalla legge
    • le compagnie assicurative devono essere fornite della copia della denuncia: questa, data la consapevolezza dell’illegalità del dichiarare dati falsi, dovrebbe bastare all’assicurazione come garanzia dei beni rubati e del loro valore.

La polizza per danni e riparazioni in casa

Nelle polizze che riguardano incendio, furto con scasso, atti vandalici, fenomeni elettrici, perdite d’acqua, rottura dei cristalli, etc, il risarcimento è rappresentato dalla riparazione dei danni da parte di tecnici specializzati. Questa opzione è solitamente compresa nel contratto base: il preventivo per la riparazione dei danni, preparato da un tecnico scelto dal contraente ed eventualmente comprovata da un tecnico al Broker di assicurazioni, sarà il corrispettivo che dovrà essere rimborsato al contraente da parte della compagnia assicurativa.

Cosa copre la polizza RC della Famiglia?

Tutte le responsabilità ai quali è soggetta la Famiglia, anche di fatto, per i danni che possono essere cagionati a terzi da un componente. Per far capire quali siano i rischi reali è meglio fare alcuni esempi. Oltre alla conduzione dell’appartamento per lo spargimento d’acqua dalla lavatrice o la caduta del vaso di fiori dalla finestra, si pensi all’andare in bicicletta, all’urtare involontariamente un passante spingendolo sulla carreggiata dove transita un veicolo, al risotto ai funghi di bosco tra i quali c’era uno non commestibile, alle molteplici cose che possono causare i figli nello loro giusta esuberanza, a tutte quelle cose che nemmeno la nostra fantasia è in grado di immaginare, ma che la polizza RC Capofamiglia è in grado di assicurare.

F.A.Qs - Formuliamo qui di seguito alcuni quesiti chiarificatori:

Il valore viene calcolato in base al numero di metri quadrati dichiarati, alla tipologia (appartamento / villa) ed alla provincia in cui si trova l’abitazione.

Per quanto riguarda il fabbricato, l’assicurazione è prestata a Valore Intero. Per quanto riguarda il contenuto, invece, l’assicurazione è sempre prestata a Primo Rischio Assoluto.

Forma di assicurazione che copre il valore totale dei beni. La somma assicurata deve corrispondere al reale valore dei beni stessi e, se l’assicurazione è stipulata per un importo inferiore, l’assicurato sopporta la correlativa parte proporzionale di danno.

Quando una volta valutata la documentazione relativa al sinistro, la Compagnia di Assicurazione propone all’Assicurato il pagamento diretto dell’indennizzo tramite il ripristino del danno nei limiti e per i massimali previsti in polizza, senza l’applicazione di alcuna franchigia o scoperto.

Sì, la Compagnia si obbliga a coprire i danni materiali e diretti causati da fulmine, anche quando è causa di fenomeno elettrico.

Per fenomeno elettrico si intende l’effetto di correnti e scariche occasionali (compresa anche l’azione del fulmine) che provoca un danno a macchinari, impianti, motori, circuiti elettrici ed elettronici di pertinenza del fabbricato quando assicurato.

Sì; la copertura Ricorso Terzi tiene indenne l’assicurato per i danni materiali diretti causati da incendio, esplosione e scoppio cagionati alle cose di terzi fino alla concoccorrenza del massimale stabilito in Polizza

Sì, sono compresi i danni materiali e diretti causati ai beni assicurati da spargimento d’acqua a seguito di rottura accidentale di impianti idrici, di riscaldamento (compresi quelli autonomi), di condizionamento, igienici o di altri impianti tecnici, sia del fabbricato che dell’attività in esso esercitata, nonché da rigurgito e traboccamento di fognature, escluse quelle pubbliche, da traboccamento dovuto all’intasamento di gronde e pluviali causato da grandine e neve, nonché i danni imputabili alla responsabilità dei vicini. La Compagnia copre anche le spese di ricerca e riparazione del danno causato da spargimento d’acqua nei limiti del massimale indicato in Polizza, a condizione che sia assicurato il fabbricato.

Si, a condizione che sia assicurato il contenuto dell’abitazione.

Sì, come ogni altra pertinenza del fabbricato, sempre che ad uso esclusivo dell’assicurato e dei suoi familiari conviventi. Le pertinenze del fabbricato sono quelle parti o porzioni di parti annesse all’appartamento/unità immobiliare (soffitte, cantine, box o porzioni di parti comuni) che non possono essere vendute separatamente dall’unità principale, in quanto destinate in modo durevole al suo servizio e/o al suo ornamento.

No, infatti la garanzia è prestata nella forma a Primo Rischio Assoluto. Solo in fase di denuncia del sinistro è necessario fare un elenco di ciò che è stato rubato con il relativo valore stimato.

L’Assicurazione a primo rischio assoluto è la formula di gran lunga più diffusa e la più semplice, perché non tiene conto dell’intero valore dei beni esistenti nell’abitazione. È possibile avere in casa “cento”, ma chiedere di essere coperti “in assoluto” per dieci. In caso di furto l’assicurazione risarcirà fino a dieci, senza necessità di altre valutazioni. La garanzia prevede però limiti specifici per il denaro contante e per i preziosi sottratti.

Per poter sottoscrivere la garanzia furto è necessario acquistare anche la garanzia incendio del contenuto.

Sì, per furto e tentato furto se causati dai ladri.

Sì, fino ad un limite massimo di 1.000,00 Euro.

Si, il personal computer è un bene coperto e il risarcimento avviene con valutazione a primo rischio assoluto o a valore a nuovo se acquistato da non più di 12 mesi.

Certo, l’assicurato ha il diritto di scegliere il legale al quale affidare la difesa dei suoi diritti.