COVID-19 RISK MANAGEMENT

LE DOMANDE A CUI LE AZIENDE DEVONO DARE UNA RISPOSTA

Hai rivisto le tue esposizioni al rischio?

 Se la tua azienda non ha intrapreso una valutazione del rischio di pandemia, dovrebbe renderla una priorità. La fonte di esposizione a causa del coronavirus può essere di vasta portata: dalla salute dei dipendenti a quella dell’azienda che puo’ vedersi interrompere la catena di approvvigionamento o i siti produttivi.

Le aziende devono comprendere i principali scenari che potrebbero maggiormente incidere su di loro e investire in misure di controllo e risposta adeguate pianificando i potenziali impatti della pandemia

 

Hai rivisto la tua Policy per le coperture assicurative?

E’ probabile che dipenda dall’assicurazione una parte della strategia di gestione del rischio coronavirus, si consiglia vivamente di rivolgersi ad un professionista per sapere se le polizze attuali forniranno copertura e dove.

Questa è una questione assicurativa complessa. Le aziende più esposte alle pandemie, come quelle del settore dei viaggi o del tempo libero, hanno da tempo esplorato soluzioni parametriche complesse al fine di contribuire a finanziare il rischio. È quindi improbabile che l’assicurazione tradizionale fornisca tutte le risposte.

Proprietà e coronavirus: la mia attività è coperta? e La copertura di disinfezione è disponibile per il coronavirus nell’ambito delle polizze assicurative ambientali?

 

Hai esaminato e testato i tuoi piani di gestione della continuità operativa?

Le aziende dovrebbero continuare a pensare alla continuità aziendale come una risposta graduale –

risposta di emergenza a breve termine (per limitare l’impatto sulla salute dei dipendenti o del pubblico),

gestione delle crisi (per garantire che le parti interessate mantengano la fiducia nella redditività in corso della società) e il recupero delle imprese (consentendo alle parti più importanti e generatrici di valore di recuperare, il più rapidamente possibile).

 

Cosa puoi fare per proteggere la tua organizzazione dalla minaccia di malattie infettive?

Hai considerato le implicazioni a catena di fornitura e hai identificato altri fornitori?

Come estensione di una valutazione del rischio di pandemia, le aziende devono muoversi rapidamente per capire il potenziale impatto sulla loro catena di fornitura da

una crescente minaccia di coronavirus. È importante riflettere ampiamente sulla questione; c’è esposizione nel secondo o terzo livello della catena di approvvigionamento, non solo nei fornitori immediati? Il rischio si presenta, non solo nella disponibilità di materiali, ma nell’approvvigionamento, nella logistica o persino nell’impatto sul sentimento del consumatore a breve termine, in cui i prodotti provengono da una regione colpita? Quanto bene sei gestito dal rischio: hai un piano B per i tuoi fornitori più critici e strategici? I tuoi contratti ti proteggono dalla responsabilità verso i tuoi clienti o i tuoi fornitori potrebbero indicare di imporre clausole di forza maggiore nei loro contratti con te?

 

Hai attivato i tuoi piani?

Se oggi non stai attivando i tuoi piani in qualche modo, capisci i fattori scatenanti o gli indicatori di rischio che potrebbero indurti a farlo? Il coronavirus deve essere trattato sia come un problema di rischio per la salute sia come un rischio aziendale. È importante che una valutazione del rischio sia fornita da una gamma adeguatamente ampia di consulenti professionali, compresi i professionisti della salute e della sicurezza, che saranno in grado di garantire che le azioni appropriate vengano adottate dalla società per mitigare l’impatto del virus sulla tua attività.

Piano di comunicazione del Coronavirus: cosa dire ai dipendenti e alle parti interessate esterne e le chiavi del successo nella gestione di un evento Black Swan.